La (mia) migliore offerta

In questi giorni nei cinema è in programmazione il nuovo film di Tornatore “The best offer” – La migliore offerta (Trailer)

migliore

Virgil Oldman é un genio eccentrico, esperto d’arte, apprezzato e conosciuto in tutto il mondo. La sua vita scorre al riparo dai sentimenti, fin quando una donna misteriosa lo invita nella sua villa per effettuare una valutazione. Sarà l’inizio di un rapporto che scovolgerà per sempre la sua vita.

Nel cast oltre Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Donald Sutherland, Maximilian Dirr in qualche modo c’è finito anche il sottoscritto, attraverso l’azienda per la quale lavoro (inim.biz).

In una scena nel film, infatti, fa la comparsa un progetto sviluppato da me: Evolution, una tastiera domotica multimediale. Il progetto è basato su sistema operativo GNU/Linux e l’interfaccia grafica sul framework Qt.

Di seguito una piccolissima parte della scena di riferimento (al minuto 2:12), dove Evolution è installata a protezione del caveau.

Una piccola, grande soddisfazione personale e dell’azienda per cui lavoro.

Annunci

Freedom Flotilla e Palestina Libera

In questo articolo cito e riporto esclusivamente le parole più sensate fra tutte le prime dichiarazioni:

Le immagini di quanto accaduto stanotte a largo delle coste turche, per mano dell’esercito israeliano, contro i pacifisti, offrono l’idea di una violenza  cieca e drammatica. Si tratta di un’aggressione inedita. E’ la più grave strage compiuta contro chi, da volontario, ha il compito di essere operatore di pace. È un atto di barbarie senza precedenti che dovrebbe determinare indignazione e condanna unanime da parte di tutto il mondo civile. E’ in atto una vera e propria guerra.
Il governo di Israele si macchia di sangue innocente e determina l’insopportabilità della permanenza dell’azione di occupazione militare di Gaza, della negazione al popolo palestinese della propria terra e del proprio destino. E’ giunto il momento di costruire una mobilitazione internazionale che rappresenti, a fronte delle mille codardie e delle ipocrisie diplomatiche della comunità degli Stati, la leva per produrre cambiamento laddove imperversa invece la logica del muro, la provocazione delle colonie e la violenza di un vero e proprio apartheid etnico.
Spero che siano i giovani i protagonisti principali di una scossa della coscienza dell’intero mappamondo.

Nichi Vendola (da nichivendola.it)

Tatuaggio tendenza estate 2010

Mi sono iscritto a facebook diverso tempo fa, molto prima che diventasse famoso in Italia. Lo scopo è sempre stato quello di utilizzarlo come strumento marketing. Fino ad oggi però non ho mai avuto modo di sperimentare una vera e propria campagna pubblicitaria. Da qualche tempo canto con un gruppo Country..abbiamo bisogno di trovare delle serate e abbiamo una pagina su facebook.

Come pubblicizzarla? Creando una campagna ad-hoc!! Non sei ancora fan dei Marky Jeans? O vuoi scoprire il tatuaggio tendenza estate 2010?

Posta certificata (@gov.it) – Atto I

Come, dove e perché? Sono venuto a conoscenza del servizio di Posta Certificata qualche tempo fa attraverso vari canali. Oggi, quando in TV ho sentito dell’apertura di un servizio statale di posta certificata mi sono lanciato alla sperimentazione (vuoi vedere che funziona veramente?!). Il sito di riferimento è http://www.postacertificata.gov.it, si parte!

Certifichiamo il certificato? La prima cosa che mi stupisce entrando all’interno del sito (dirottato su HTTPS) è che il certificato SSL è autoprodotto! Il governo italiano che si propone di certificare il servizio di posta elettronica offre un’interfaccia non certificata? La mancanza di certification authority valida è già di per sè una condizione sufficiente per considerare questo neo-nato servizio come “fatto in casa (Brunetta)”.

Update: in realtà il problema si presenta solo collegandosi a https://postacertificata.gov.it/ l’errore è ssl_error_bad_cert_domain in quanto il certificato prodotto è valido solo per il dominio http://www.postacertificata.gov.it traendo in inganno chi si collega omettendo il “www” iniziale.

Registriamoci…o no? Una volta inseriti i miei dati sensibili, inoltro il form e al posto della conferma dell’avvenuta registrazione ricevo l’errore 502 di bad gateway. Bene…dove sono finiti i miei dati? Mi sono registrato o no? Chi può rispondere meglio di un call-center?

Salve sono Federica. Ciao Federica…parlo con te dopo essermi sorbito circa 5 minuti di spiegazioni di un text-to-speech femminile (una tua collega? :)), sarebbe stato meglio inserire un premi 9 per parlare con un operatore nel menu principale e non dopo 3 livelli di specifica. In tutti i modi spiego il mio problema e Federica mi conferma l’avvenuta registrazione dandomi lei stessa il codice di controllo senza richiedermi conferma di (ad esempio) codice fiscale, numero di carta d’identità o uno dei miei dati sensibili. E’ vero che poi all’ufficio postale faranno il riscontro con i documenti…ma era forse meglio aggiungere un altro livello di sicurezza.

IO sono proprio IO. Dovrò quindi recarmi all’ufficio postale più vicino a me e identificarmi con il codice di controllo datomi da Federica. Devo però attendere 24 ore…ed è solo l’inizio!

Crisi finanziaria spiegata ad un bambino

scimmie

Se hai difficoltà a capire l’attuale situazione finanziaria mondiale la storia che segue potrebbe aiutarti:

Una volta, in un villaggio in India, un uomo annunciò ai contadini che voleva comprare delle scimmie per 10€. I contadini, vedendo che c’erano molte scimmie in giro, uscirono nella foresta ed iniziarono a catturarle. L’uomo ne comprò migliaia a 10€ ma, quando la disponibilità di scimmie cominciò a diminuire i contadini cessarono i loro sforzi.

L’uomo annunciò che ora le avrebbe comprate a 20€. Ciò rinnovò gli sforzi dei contadini che ripresero a catturare scimmie. Presto il rifornimento diminuì progressivamente e gli abitanti del villaggio cominciarono a tornare alle loro fattorie. L’offerta salì a 25€ ma la disponibilità di scimmie divenne così piccola che era una fatica vedere una scimmia, per non parlare di prenderla.

L’uomo annunciò che ora voleva comprare le scimmie a 50€ tuttavia, dovendo andare in città per alcuni affari, il suo assistente avrebbe fatto da compratore a suo beneficio. In assenza dell’uomo, l’assistente disse ai contadini: “Guardate tutte queste scimmie in questa grande gabbia dove l’uomo le ha radunate; ora voglio vendervele a 35€ e, quando tornerà dalla città gliele rivenderete a 50€“. I contadini misero insieme tutti i loro risparmi e comprarono le scimmie.

Poi non videro più né l’uomo né il suo assistente, solo scimmie dappertutto. Benvenuti a WALL STREET!