Castagne e vino rosso

misc16.jpg

La tradizione vuole che nel giorno di San Martino si faccia una scorpacciata di castagne e una sana bevuta del vino rosso novello. Dopo la tradizionale fiera del mio paese (Grottammare) sono andato a casa di alcuni parenti della mia ragazza. Il vino rosso porta subito a discorsi legati all’agricoltura e alla vita rurale. Ascolto con attenzione e mi rendo subito conto che sono parole che non verranno mai scritte su un libro di storia. Si parla delle condizioni di mezzadria della zona, del padrone e delle sue proprietà, degli agricoltori emigranti in Romagna che hanno fatto fortuna e di quelli in Toscana che non ne hanno avuta. Il tono si fa più serio e lo zio esordisce così:

…perché qui c’erano i comunisti…

il racconto sembra sospendersi con una pausa riflessiva…e continua:

…ma tutti! Tutti eravamo comunisti. C’era chi votava e si stava zitto e chi invece faceva propaganda. Il contadino andava di padrone in padrone a lavorare la terra, ma se passava prima il Parroco ad avvertire il padrone era finita!

Lo guardo con perplessità…e mi spiega:

Se il parroco sapeva che votavi comunista e conosceva la tua situazione, andava dal padrone ad avvertirlo che stavi per arrivare a chiedere lavoro e tu…non lavoravi!

Erano pochissimi i padroni che con la frase “l’importante è che lavori” accettavano agricoltori comunisti.

Sono sorpreso…il vaticano già parecchi anni fa era all’avanguardia, aveva (e haancora) quelle figure che esistono oggi nelle grandi aziende che si chiamano selettori del personale che, a volte anche senza colloquio, decidono se tu sei compatibile con un lavoro o con una fascia di società. Ma se il contadino non riusciva a lavorare e andava in miseria con la sua famiglia allora numerosa…a chi si doveva rivolgere? Forse a qualche esotica associazione cattolica giurando sopra i ceci di non votare più il suo partito, negandosi il diritto della libera espressione delle idee nonché parte dei diritti umanitari?

3 pensieri su “Castagne e vino rosso

  1. Hai centrato il punto. La chiesa, negli anni, ha sempre tenuto ben saldo un potere di molto superiore a quello della politica nazionale. Secondo quale criterio un comunista, forse piu’ vicino all’immagine di Gesu’ Cristo che ci viene tramandata, dovrebbe essere “il male”?
    I preti godevano di privilegi (e ne godono tutt’ora) e di facilitazioni.
    Per aggiungere benzina al fuoco: qualche anno fa il Cardinale di Napoli, Giordano, fu accusato di usura. Vero o no, la chiesa cattolica si scaglio’ apertamente e violentemente contro lo stato italiano poiche’ non doveva e non poteva neanche aprire un’inchiesta in quanto “Lo Stato non si immischi nelle vicende del Vaticano. Il cardinale e’ un esponente vaticano, nessuno lo tocchi”.
    Poche settimane dopo, mia nonna ando’ a messa e, alla fine, il prete disse di “passare a firmare per la chiesa in fondo, dove c’era quel banchetto”. Lei lo fece, come tutti, perche’ era per la chiesa. Indagai: scoprii che aveva firmato, come tutte le chiese della citta’ quel giorno, per richiedere la parificazione completa delle scuole private con quelle pubbliche. Forse perche’ buona parte delle (costose) scuole private e’ di proprieta’ vaticana?
    Nessuno, quel giorno, tuono’ contro la chiesa intimando di non immischiarsi nelle vicende Italiane.

  2. Ciao,
    qui in Veneto si usa ancora farsi raccomandare dal prete. Le Regioni cambiano, gli uomini cambiano ma sotto il sole c’è sempre la stessa insopportabile ingerenza nella società italiana.
    Mirko aka Belf

  3. “E’ stato il denaro ad alimentare la società industriale. Ma nella società dell’informatica, il combustibile, la forza motrice, è dato dalla conoscenza. Abbiamo sott’occhio una nuova struttura di classe: da un lato coloro che sono in possesso delle informazioni, e dall’altro quanti sono costretti ad agire in stato di ignoranza. E la nuova classe il suo potere non lo deriva dal denaro né dalla terra, bensì dalla conoscenza.”
    John Kenneth Galbraith

    http://www.associazionereds.com oppure, per gli informatici http://www.corsointernet.com

    mkc

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...